Jacques Dutronc

Image

“Pur essendo un fenomeno abbastanza commerciale, l’idolo di tutte le ragazze Yé Yé francesi sapeva emanare quell’aurea da rock star e pazzo schizofrenico che molto si addice alle sue canzoni (Steve Muvjele – Giugno 1967)”

ImageCantante, cantautore e attore cinematografico, Jacques Dutronc si guadagnò la popolarità in Francia grazie alle sue canzoni che incarnavano perfettamente lo spitiro di ribellione che caratterizzava gli anni sessanta. Seppe mischiare elementi della musica pop e dello stile Yé-Yé a sonorità più rock e garage. Estremamente fotogenico, dotato di molto carisma sia sul palco che davanti alle telecamere con i suoi testi spesso ironici e deficienti riuscì dal 1966 fino ai primi anni settanta a diventare un baluardo della ribellione di quei giovani bruciati che avevano voglia di divertirsi senza pensare troppo ai grandi problemi della vita e di tutta quella generazione di teenager che per prime conquistarono la loro emancipazione sessuale.

ImageRiuscì a diventare così popolare che divenne il compagno e poi successivamente il marito di una delle pupe più belle di tutta la Francia: Françoise Hardy. Oggi i suoi 45 giri sono molto ricercati; canzoni come “Et Moi et Moi, et Moi,” “On Nous Cache Tout, On Nous Dit Rien,” “Les Play-Boys,” sono entrate nella cultura popolare.

Image

Qui di seguito pubblico due dei due testi più divertenti che ho voluto tradurre personalmente:

L’Idole (Je N’en Peux Plus) – L’Idolo (Non ce la faccio più)


Toute la journee derriere moi
Et toute la nuit sur le dos
Dans la chaleur ou dans l’froid
Ils me poussent sur les treteaux
Leurs galas leurs recitals
J’en ai vraiment plein l’dos
Et a tous ces bourreaux
Je souhaite le supplice du palIlsvont me tuer
Je vais crever
Tous ils m’exploitent
Jusqu’a me battreEt puis mon impresario
Il s’enrichit sur mon dos
Non coco faut l’faire
C’est pour minuterie
Les filles qui s’jettent sur moi
Celles qui escaladent le toit
Celles qui disent et moi et moi
Oh comme je m’en mords le chinoisJe n’en peux plus
Ils vont me tuer
Oui ils m’ont eu
Je vais crever

Mais l’pire c’est qu’mon parolier
Non seulement il est fou a lier
Mais il voudrait m’faire chanter
Que des histoires d’obsedes
Je n’dors plus je n’mange plus
J’ai maigri je suis aigri
J’suis malade j’fais plus pipi ni caca
J’suis pas vieux mais j’en peux plus

Je n’en peux plus
Ils vont me tuer
Oui ils m’ont eu
Je vais crever
Aidez-moi j’vous en supplie
A r’trouver l’gout d’la vie
Aidez-moi j’vous en conjure
J’me tape la tete contre les murs

Je n’en peux plus
Je vais pleurer
Je suis foutu
Ils vont me tuer
Au secours au secours au secours…

Tutto il giorno mi vengono dietro,
e la sera mi saltano in groppa,
con il caldo e con il freddo,
mi spingo sul palco,
alle serata di gala, ai loro recital,
ne ho veramente piene le palle,
e tutti questi carnefici
vorrei impalarli.Mi uccideranno,
morirò,
tutti mi sfruttano
per combattere.E pure il mio impresario,
si arricchisce alle mie spalle,
non posso neanche avere
un minuto libero
le ragazze si buttano su di me,
quelle che si arrampicano sui tetti,
quelle che gridano “è mio! è mio!”,
oh come mi mordo il cazzo!Non ce la faccio più,
mi vogliono uccidere,
lo vogliono
e morirò.

Ma il peggiore è il mio paroliere,
non solo è un pazzo furioso,
ma mi vorrebbe far cantare
le storie degli ossessionati,
non riesco a dormire,
non riesco a mangiare,
sono dimagrito e raggrinzito
sono malato non faccio più la pipì e la cacca

Non ce la faccio più,
mi vogliono uccidere,
lo vogliono e morirò.

Aiutatemi vi supplico
a ritrovare il gusto di vivere,
aiutatemi vi supplico,
mi sto spaccando la testa contro un muro

Non ce la faccio più,
mi viene da piangere,
sono fottuto, mi vogliono uccidere,
aiutatemi, aiutatemi, aiutatemi!

La Fille Du Père Noël – La figlia di Babbo Natale

Je l´ai trouvée au petit matin
Toute nue dans mes grands souliers
Placés devant la cheminée
Pas besoin de vous faire un dessin

De battr´ mon cœur s´est arrêté
Sur le lit j´ai jeté mon fouet
Tout contre elle je me suis penché
Et sa beauté m´a rendu muet

Fatigué j´ai la gueule de bois
Toute la nuit j´avais aidé mon père
Dans le feu j´ai remis du bois
Dans la ch´minée y avait pas son père

C´était la fille du Père Noël
J´étais le fils du Père Fouettard
Elle s´appelait Marie Noël
Je m´appelais Jean Balthazar

Je prends la fille dans mes bras
Elle me dit mais non Balthazar
Ne fais donc pas le fier à bras
Je suis tombée là par hazard

Toute la nuit j´avais fouetté
A tour de bras les gens méchants
Toute la nuit elle avait donné
Des cadeaux à tous les enfants

C´était la fille du Père Noël
J´étais le fils du Père Fouettard
Elle s´appelait Marie Noël
Je m´appelais Jean Balthazar

Descendue chez moi par erreur
Elle était là dans mes souliers
Et comm´ je ne pouvais prendre son cœur
Je l´ai remise sur le palier

C´était la fille du Père Noël
J´étais le fils du Père Fouettard
Et elle m´a dit d´une voix d´crécelle
Bye bye au hasard Balthazar

C´était la fille du Père Noël
J´étais le fils du Père Fouettard
Elle s´appelait Marie Noël
Je m´appelais Jean Balthazar

L’ho trovata di mattina presto
tutta nuda nelle mie grosse scarpe,
proprio davanti al camino,
non c’è bisogno che ve lo spieghi.

Per un momento il mio cuore si è fermato,
sul letto ho buttato la mia frusta,
andai verso di lei
e la sua bellezza mi ammutolì.

Stanco, ho un dopo sbronza,
ho aiutato mio padre tutta la notte,
ho messo la legna nel fuoco,
ma nel caminetto non c’era suo padre.

Era la figlia di Babbo Natale
E io ero il figlio del Babau
Lei si chiama Marie Noel
Io mi chiamo Jean Balthazar

Ho preso la ragazza fra le braccia
e lei mi ha detto ma no Balthazar
Non montarti la tesa
sono cascata qui per caso

Tutta la notte ho frustato
con tutta la mia forza le persone cattive
e per tutta la notte
ho dato doni ai bambini buoni

Era la figlia di Babbo Natale
E io ero il figlio del Babau
Lei si chiama Marie Noel
Io mi chiamo Jean Balthazar

Venne a casa mia per sbaglio
Lei era qui nelle mie scarpe
E come non ho potuto rapire il suo cuore?
Le ho messo la schiena sulla porta

Era la figlia di Babbo Natale
Io ero il figlio del Babau
E lei mi ha detto con una voce stridula
Bye bye per sempre Jean Balthazar

Era la figlia di Babbo Natale
E io ero il figlio del Babau
Lei si chiama Marie Noel
Io mi chiamo Jean Balthazar

Annunci